(Margherita Hack) In relazione: La sensibilità Imparare a godere della vita – Omraam Mikhaël Aïvanhov Il saggio accetta Quando l’erba … Riferimenti Bibliografici. Per Dio ignorarlo è impossibile; l’idea di ingannare Dio è incoerente; nessun tentativo di mentire a Dio può avere successo. Per estensione, anticamente, convento, monastero: “Andammo... a una religione di monaci presso a tre miglia” (Sacchetti). Gli ebrei per giungere in Israele dall'Egitto ci hanno impiegato 40 anni o 40 giorni? Se gli viene tolta questa scelta egli non è più un uomo, ma un'arancia meccanica. Chi difende il crocifisso non rispetta la sua stessa religione. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione." ” Margherita Hack Inserita: 26/02/2018 Iscriviti a Yahoo Answers e ricevi 100 punti oggi stesso. L'uomo può distinguere fra bene e male anche se non coltiva una religione, così come uno può saper scrivere senza coltivare la poesia. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché Dio accettò il sacrificio di Abele ma non quello di Caino. La morale tracciata da Cristo non è come ognun vede, la delicata voluttà degli epicurei, non la rigida e aristocratica virtù degli stoici, non una semplice estasi o contemplazione di asceti, ma bensì una morale viva, feconda, cordiale: essa è l’amore universale che deve comprendere Dio e tutti gli uomini. A cosa serve avere una religione? “SI PUÒ essere brave persone senza essere religiosi!” Questa è un’opinione piuttosto diffusa. Alcuni ereditano una religione alla nascita mentre altri si convertono ad una. Papa Francesco ha detto che tutti abbiamo il dovere etico di fare il vaccino. Le aspirazioni della morale della modernità a un'universalità affrancata da qualsiasi particolarità è un'illusione. La morte non è niente per noi. “ Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. ~ Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perchè se non si riesce a distinguere il bene dal male, quello che manca è la sensibilità, non la religione” Margherita Hack Non è necessario avere una religione per avere una morale. Ciò che ci differenzia dagli animali è proprio il fatto di avere una morale, di vedere più avanti, di considerare il giusto e lo sbagliato. Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi. credenti cristiani: Gesù è figlio di Dio oppure Dio stesso??? La disobbedienza civile è necessaria quando le leggi sono contro la democrazia e la libertà. PS. Lo scopo principale della religione non é portare un uomo in paradiso, ma il paradiso nel suo cuore. Non è sufficiente fare del bene: bisogna farlo nella maniera corretta. Oltre al rispetto e alla devozione, pratiche fondamentali all’interno delle Istituzioni religiose, si trovano anche alcuni gesti simbolici. Che ne pensi delle risposte? Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Questo è vero, ma non puoi pretendere che tutti riescano a comportarsi moralmente senza una religione. I leader religiosi non … Una persona diventa moralista prima che un altro diventi infelice. Te lo dico da persona che ha passato una vita d’inferno in una famiglia di origine tossica e che si è appena liberata da un compagno assai tossico. È chiaro che l'antinomicità tra etica e religione viene fortemente (e indebitamente) accentuata da Hartmann non tanto per rilevare l'impossibilità di una sintesi tra le due dimensioni, quanto per far emergere l'impossibilità, da parte della religione, di rispettare pienamente la libertà morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione“. " Non è necessario avere una religione per avere una morale. (Margherita Hack) ~ “Se si vuole davvero cambiare qualcosa, bisogna cominciare a cambiare sé stessi, andare contro sé stessi fino in fondo. Dal petrolio alle banche, anche il credo in un dio “trino” non è immune dal “quat-trino”, a dimostrazione che è sempre una questione di numeri più alti. Non è necessario avere una religione per avere una morale. La sensibilità di ogni uomo è il suo genio. La religione non influisce più di tanto sulla moralità delle persone in generale. Puoi accedere per votare la risposta. la convinzione che la morale è alla base di tutte le cose, e che la morale è fatta di verità, dunque la verità divenne il mio solo scopo. aiuto? Margherita Hack Le passioni umane si fermano solo dinanzi a una potenza morale che rispettino. Soffriamo per nulla. §Origine temporale= causa nel tempo= peccato di Ada condizione di innocenza anteriore quindi peccato originale. È una possibilità, sapete. dicono che è necessario avere "una" religione? Mi dispiace molto. Dentro è la fonte del bene, che sempre ha il potere di sgorgare, a condizione che tu sempre scavi. Margherita Hack Non è pensabile l'assenza di interferenze, qualunque educazioen è in parte "invasiva" poichè presuppone la trasmissione di principi condivisi dal … Altre frasi, citazioni, aforismi di Margherita Hack, Altre frasi, citazioni, aforismi su Bene e male, Altre frasi, citazioni, aforismi su Morale, Altre frasi, citazioni, aforismi su Religione, Altre frasi, citazioni, aforismi su Sensibilità. Scava dentro. La Hack non aveva le idee chiare su cosa sia la Religione, per questo la scambia con la morale, che è davvero innata nella mente umana. - Margherita Hack In breve, chiunque accetterà di consultare il buon senso sulle credenze religiose, si accorgerà facilmente che tali credenze non hanno alcun solido fondamento; che ogni religione è un castello in aria. Margherita Hack Per loro la religione è qualcosa che hanno ma non usano, un po’ come un mobile da esibire”. Con una persona che non ami puoi buttare fuori tutta la tua animalità. Ma se erano famosi perché non ci hanno raccontato niente di loro? È necessario avere una morale per non essere religiosi. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Ne abbiamo bisogno per non diventare come le bestie. Dovete avere una vita davvero difficile per essere giunte a questo punto. La religione inculca un qualcosa di suo, un modo per controllare i valori sociali. Il nostro desiderio di morte è la nostra sola vera tragedia. Avere uno sfogo contro una religione può essere rischioso? La religione può venir paragonata ad uno che prende per mano un cieco e lo guida dove questi non può vedere, nel qual caso l'essenziale è che il cieco raggiunga la propria meta, e non ch'egli veda ogni cosa. Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Una religione senza più presa sulla società diviene semplicemente inutile; e sempre per questo una società senza radicamento nella religione cade preda del caos, viene corrosa dal nichilismo e peggio ancora dall'affarismo. L'uomo non sa né godere né soffrire bene, non comprendendo la differenza fra il bene e il male. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Margherita Hack Confucianesimo 1. La morale non fa parte della nostra anima ma del contesto in cui si vive, infatti varia da società a società. Diciamo che alcuni ─ gli ANTICOMUNISTI ─ hanno la sensazione che la propria morale (il proprio senso di giusto) sia INDISCUTIBILE o DIVINA. La moralità consiste nel rispettare le cose con la volontà, secondo il pregio ch'elle hanno. Parla in continuazione dell'uomo perfetto, ma non sa cosa sia l'uomo reale. “ Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. È chiaro che l'antinomicità tra etica e religione viene fortemente (e indebitamente) accentuata da Hartmann non tanto per rilevare l'impossibilità di una sintesi tra le due dimensioni, quanto per far emergere l'impossibilità, da parte della religione, di rispettare pienamente la libertà morale. non È necessario avere una religione per avere una morale. Certamente non serve credere, tutti hanno una morale, che la Chiesa definisce "Legge naturale", presente dentro ognuno di noi e che ci fa avvertire il male e il bene delle azioni, che però può offuscarsi a causa del peccato. Ogni religione ha una sua morale dettata da dei principi, principi a cui, se si fa parte di quella religione, si aderisce. “Non è necessario avere una religione per avere una morale. Essendo fondate su una fede rivelata ed essendo perciò legate ad una serie di specifici eventi storici, sono prive di validità universale. Bello questo pensiero di Kant Tutte le chiese, tutte le comunità religiose mancano del contrassegno più importante della Verità. Chi non ha principi morali si avvolge di solito in una bandiera. 2. Chi non punisce il male comanda che lo si faccia. Se manca una qualsiasi autorità di questo tipo, la legge del più forte regna e, latente o acuto, lo stato di guerra è necessariamente cronico. Ad esempio, la maggioranza degli abitanti dell’Europa occidentale afferma di credere in Dio, ma solo pochi sono praticanti. Ciò che si è dissolto non ha più sensibilità, e ciò che non ha sensibilità non è niente per noi. La Religione è una elevazione della mente al di sopra della sua natura materiale. L'uomo può distinguere fra bene e male anche se non coltiva una religione, così come uno può saper scrivere senza coltivare la poesia. Non esiste bene e male... esiste solo il potere e chi è troppo debole per usarlo! Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. cos'è la religione? religione come teologia: ovvero una dottrina che spiega il rapporto dell'essere umano con tutto quello che sta al di là della realtà materiale. Altri invece ─ i COMUNISTI ─ hanno la sensazione che la propria morale (il proprio senso di giusto) sia DISCUTIBILE o UMANA: non è migliore di quella degli altri uomini e dunque ─ attraverso un confronto paritetico ─ se ne può costruire una migliore. Le più importanti religioni della Terra si contraddicono a vicenda riguardo a molti punti. per religione si intende un insieme di credenze e atti di culto che esprimono il rapporto dell'uomo con uno o più La questione è su cosa basare l’esistenza del bene e del male senza affermare una morale naturale pre-esistente l’uomo. Un'estrema sensibilità fa gli attori mediocri; una sensibilità mediocre fa la folla dei cattivi attori; e l'assoluta mancanza di sensibilità è il presupposto per gli attori grandissimi. - Margherita Hack Non è necessario avere una religione per avere una morale. L'immoralità dell'uomo trionfa sull'amoralità della donna. Margherita Hack www.ilviaggiosciamanico.it Ciò che si dissolve non ha più sensibilità, e ciò che non ha sensibilità non è niente per noi. "Non è necessario avere una religione per avere una morale. 《La morale non è dettata dalla coscienza, ma dall'ambiente in cui si vive》 K. Marx. Ma ad un certo punto o ad un altro le persone fanno la scelta conscia sul se far parte della loro comunità religiosa o no. la religione secondo voi è conoscenza ... morale o necessita sociale? Sono le leggi della morale quelle che reggono l'arte. Il cristianesimo è la religione della «Parola» di Dio: di una parola cioè che non è «una parola scritta e muta, ma del Verbo incarnato e vivente» (San Bernardo, Omelia super Missus est , … Fra il bene e il male c'è una porta, e io l'aprirò! Lo scrittore la fa nella memoria e nel vocabolario, il pittore la fa nella memoria dell'arte e nella natura stessa, scegliendo secondo la propria sensibilità. Quello che identifichiamo come la nostra sensibilità è solo la più alta evoluzione del terrore di un agnello al suo sacrificio. Il problema, caro filosofo per corrispondenza, non è “stabilire criteri per i giudizi di valore”, ma stabilire su cosa si basano questi criteri. Altre domande? Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione. Cioè alcuni uomini sono convinti che un ipotetico essere onnisciente (un dio) troverebbe sbagliate le cose che loro trovano sbagliate e (sempre quell'ipotetico essere onnisciente) troverebbe giuste le cose che loro trovano giuste. Molti oggi hanno “una forma di santa devozione” ma si dimostrano “falsi alla sua potenza” (2 Timoteo 3:5). ” Margherita Hack Inserita: 26/02/2018 Una grande sensibilità d'animo non è che il riflesso di una grande delicatezza fisiologica. … E se fossero tutte sbagliate? Margherita Hack Immagini correlate Mi fa piacere che ci sono utenti che ascoltano M. Hack. Molte persone oneste, compassionevoli e responsabili non si interessano di religione. La religione non è necessaria per la morale, ma non sarebbe male neanche praticarla. La Bibbia parla di ghibborim dicendo che siano eroi famosi dell'antichità. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Una punizione per i peccati, non più tanto contro una divinità trascendente, ma contro la neo-divinità laica di una scienza incapace di mettersi in discussione (come imporrebbe il metodo scientifico) e contro una morale comune ancora bigotta. Quando le fantasie della religione e la loro perversione affine toccano le pulsioni dell'inconscio, il mostruoso non è distante. Le Prigioni sono costruite con le pietre della Legge, i Bordelli con i mattoni della Religione. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è sensibilità, non la religione. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Non è necessaria una religione se sai comunicare con la tua anima, la religione infatti è solo una maestra per essa, fatta da uomini non da Dio. Un esempio concreto di gesto simbolico, riscontrato all’interno della religione cattolica è quello di portare la mano in direzione del volto, segnando il gesto della croce, fino al petto sia all’entrata che all… L'uomo deve poter scegliere tra bene e male, anche se sceglie il male. Il nostro è uno Stato laico, improntato al pluralismo, ed è certo lecito dire “non … Il buono vive in società, il malvagio da solo. Gabriele " Non è necessario avere una religione per avere una morale, perché se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità, non la religione" Ne sei proprio sicuro? Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Se Dio è assolutamente buono e sovrano, perché c'è il male nel mondo? Non rubare, non uccidere, non dire falsa testimonianza … Perchè se non si riesce a distinguere il bene dal male quella che manca è la sensibilità non la religione. Abbiamo tutti la stessa origine, siamo tutti fatti della stessa materia costruita dalle stelle esplodenti, per cui il concetto di fratellanza universale va esteso veramente a tutti i viventi nell'universo. Amore e sesso possono essere due cose disgiunte: credo che il sesso si faccia meglio con una persona a cui non vuoi bene, perché puoi essere più istintivo. “Non è necessario avere una religione per avere una morale. Perché se non si riesce a distinguere il bene dal male, quella che manca è la sensibilità, non la religione. Non è necessario avere una religione per avere una morale. Non è troppo 40 anni visto che la strada è breve?

Le Funzioni Degli Spazi Pubblici E Privati, Tulipani Bianchi E Rossi, Idee Costume Halloween 2020, Pangasio Al Forno Con Limone, Le Funzioni Degli Spazi Pubblici E Privati, Alice Accordi Ligabue, Marche Di Riso Senza Glutine, Drive Ingegneria Chimica Polito, Teleuniverso Programmi Di Oggi, San Marino Immigrati,