Con il ritorno dei frati nel 1936, essi vi allestirono una piccola riproduzione della grotta di Massabielle, a Lourdes, con tanto di statua della Madonna. Leggi il seguito, Attaccata al duomo c'è questa chiesetta. Chiesa di Santa Reparata: Bella - Guarda 30 recensioni imparziali, 44 foto di viaggiatori, e fantastiche offerte per Atri, Italia su Tripadvisor. Coordinate: 42°34′48.61″N 13°58′36.23″E / 42.58017°N 13.97673°E42.58017; 13.97673, La chiesa di San Francesco è uno dei principali[1] monumenti della città di Atri e si trova lungo corso Elio Adriano, imponendosi con la sua scenografica scalinata[2]. visitate sia la Nell'Ottocento i francescani riuscirono a scampare alle due soppressioni, quella di Napoleone Bonaparte del 1809 e quella post- unitaria di Vittorio Emanuele II (1866): queste due soppressioni misero fine ai conflitti tra i Domenicani, andati via nel 1809, e i Francescani. Fu forse l… I Domenicani acquistavano sempre più popolarità, addirittura le nobili famiglie atriane avevano una loro cappella in questa chiesa. Se risiedi in un altro paese o in un'altra area geografica, seleziona la versione appropriata di Tripadvisor dal menu a discesa. In fondo al lato sinistro si erge il campanile a vela del XIII secolo, che ancora mostra alcuni archetti pensili decorativi: esso conserva una campana datata 1265 (la più antica d'Abruzzo[8]). Atri. La scalinata della chiesa di San Francesco, grazie alla sua particolare posizione, è uno dei punti in cui turisti e atriani si sistemano per assistere al passaggio delle processioni, del corteo storico del 14 agosto e della Maggiolata del giorno seguente. La parte basse, segnata da due doppie paraste, include il notevole e grande portale, realizzato intorno al 1720 da maestranze napoletane e restaurato nel 2003: sotto al timpano spezzato presenta un interessante bassorilievo raffigurante le stimmate di San Francesco. This hotel is the Hotel Maria, a convenient 4 miles away. La Chiesa di Santa Reparata, una bella chiesa della citta' di Atri ricca di ornamenti sacri, bella da vedere Data dell'esperienza: aprile 2017 Chiedi a domi751 in merito a Chiesa di Santa Reparata L'immagine di santa Reparata di cui c'è qui la copia è dipinta in originale nella semicolonna a sinistra dell'altare della cattedrale. Hotels near Chiesa di Santa Chiara: (0.02 mi) B&B Arco DI San Francesco (0.11 mi) Bellavista Bed and Breakfast (0.12 mi) Cornelia B&B (0.13 mi) B&B La Casetta di Atri (0.16 mi) B&B Don Aurelio; View all hotels near Chiesa di Santa Chiara on Tripadvisor Intorno al 1220, durante la sua predicazione in Abruzzo, san Francesco d'Assisi si fermò di passaggio ad Atri e vi fondò una piccola comunità francescana a capo del quale mise fra' Filippo Longo, uno dei suoi discepoli più fidati, originario proprio di Atri.Ma la comunità mancava ancora di una chiesa e un convento. Sopra la finestra centrale una scritta ci informa dell'anno di consacrazione della chiesa. Le più belle chiese di Firenze. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 10 ago 2020 alle 22:06. Explore nature at Calanchi di Atri Regional Nature Reserve and Cenerone Vulcanello. Nella parte superiore troviamo il timpano con una meridiana; sotto il cornicione, quindi, una deliziosa finestra barocca con una vetrata realizzata intorno al 1950 dalla ditta Camper di Atri e raffigurante l'Immacolata Concezione; ai lati, altri due oculi quadrati murati, che forse un tempo erano anch'essi finestre. Inoltre, la sera dell'8 dicembre, al passaggio della processione dell'Immacolata, dalla scalinata parte una cascata di luci e fuochi d'artificio: una tradizione portata dai francescani negli anni quaranta e recentemente ripresa in uso. Mentre il convento è diventato un hotel, la chiesa è rimasta aperta e molto frequentata dagli atriani, che lo considerano l'edificio di culto più grande e bello della città dopo il duomo. Commissione di Arte Sacra; Comunità Religiose. Luogo di … Architetti milanesi capeggiati da Giovann Battista Gianni si occuparono della chiesa: un chiesa molto più piccola della prima, di poco più di 30 metri, ad una navata e con la facciata leggermente arretrata e sopraelevata rispetto al piano stradale. Spesso però la religiosità popolare si concentra non in questa chiesa, chiusa nel suo ruolo ufficiale, ma in quelle dove si trovano i santi più venerati; altrettanto spesso però la Cattedrale riesce a conquistare i cuori se custodisce, ad esempio, le reliquie del patrono, come Sant’Emidio ad Ascoli Piceno. Ad Atri la Cattedrale di Santa Maria Assunta è la chiesa principale sia ufficialmente sia affettivamente. Informazioni… Difficoltà: percorso facile, di tipologia E (escursionistico). Questa recensione rappresenta l'opinione personale di un viaggiatore di TripAdvisor e non di TripAdvisor LLC. da vedere! Chiesa di Santa Chiara is located in an area of Atri that travellers like for its beaches. Nel 1296 ad Atri arrivarono i Domenicani, che cominciarono la costruzione della loro chiesa (conclusa nel 1305); nonostante non avessero tutti i privilegi concessi ai Francescani, anche i Domenicani avevano acquistato una certa posizione nella società cittadina e avevano radunato attorno a sé alcuni tra i principali artisti dell'epoca. Lato destro e resti della chiesa medievale, la chiesa fa registrare un notevole afflusso di turisti, la chiesa fu costruita a partire dal 1226: il santo di Assisi non era ancora stato canonizzato che la chiesa aveva questa intitolazione, Elenco degli edifizi Monumentali in Italia, Abruzzo Cultura - Scheda Barocco prescelta - Provincia di Teramo. Sotto l'arco si trova lu mammocce, ovvero la tomba di Giacomo di Lisio (1415), ultimo podestà di Atri: la particolare conformazione che gli agenti atmosferici hanno dato alla figura del defunto scolpita sopra la lastra ha scatenato la fantasia popolare che ha usato lu mammocce come strumento di "paura" per i bambini[7]. L'altare maggiore venne realizzato dopo il ritorno dei Francescani nel convento nel 1936, riutilizzando i marmi di quello più antico. Vistò ciò, i Francescani "entrarono in conflitto" con l'ordine dei Padri Predicatori: fu un "conflitto artistico" ed "economico". Queste, così come il resto della chiesa, furono decorate da artisti di diversa estrazione: lombardi, cappeggiati dal comasco Giovan Battista Gianni (cappelle di Sant'Anna, dell'Immacolata, di San Giuseppe e di Santa Barbara); napoletani, sotto la guida di Giuseppe Sammartino (cappelloni di San Francesco e Sant'Antonio e presbiterio). Fu la prima chiesa in Abruzzo dedicata a san Francesco d'Assisi[3] ed è monumento nazionale dal 1902.[4]. A causa della carenza di vocazioni, il vescovo Abele Conigli fu costretto a chiudere il convento di Atri: i pochi frati rimasti se ne andarono, così come la processione del 13 giugno e il coro (eccezion fatta per il presepe che viene ancora allestito). Si cominciò quindi ad occuparsi alla decorazione sia pittorica che scultorea della chiesa, ad opera di artisti milanesi e napoletani, che finì intorno al 1760. Storia. Chiesa di Santa Reparata: attività nelle vicinanze, Piccola chiesa, parte integrante della più grande Cattedrale di Atri. Recentemente (dal luglio 2003 al dicembre 2008), a causa dei restauri nella Cattedrale, ha svolto le funzioni parrocchiali di quest'ultima: qui si sono svolte Comunioni, Cresime, Battesimi e da qui sono partite le varie processioni che nel corso dell'anno si tengono ad Atri. I frati furono molto attivi in città: nel 1944 istituirono la processione di Sant'Antonio (13 giugno), come ringraziamento per lo scampato pericolo della guerra; nel 1960 fondarono un piccolo ma apprezzato coro; inoltre, furono essi ad introdurre l'uso di allestire un monumentale presepe presso Piazza Duomo. If you’re looking for a convenient place to stay, take a look at the 20 hotels … Le due rampe, poi, hanno un particolare andamento curvilineo e questo crea ancor di più l'effetto "stupore" che sicuramente i frati volevano dare a tutti quelli che vi sarebbero passati davanti. forse la chiesa più bella del paese, e ce ne sono molte! Le trasformazioni barocche l'hanno ridotto a una navata sola, utilizzando parte di quelle laterali per la costruzione delle cappelle. Disposta lateralmente deve, Molto bella! La chiesa di Santa Reparata si trova ad Atri, nel centro storico, in fondo al marciapiede che costeggia il lato destro del Duomo ed è annessa a questa chiesa (infatti, oltre all'ingresso principale affacciato sul marciapiede, vi è uno secondario che permette il collegamento tra santa Reparata e il Duomo), ma è comunque una chiesa a sé stante. La chiesa di San Giovanni di Malta, San Placido e dei compagni martiri è tra i complessi monumentali più importanti di Messina. Nella navata destra si possono ammirare una serie di affreschi che vanno dal Duecento al Quattrocento, opera di artisti locali come Luca d’Atri, Giovanni di Cristoforo e Giacomo d’Atri. Un altro "colpo duro" per i Francescani fu quando i Domenicani cominciarono, nel 1433, a produrre la liquirizia controllandone anche il commercio. I Francescani si risollevarono a partire dal 1690: quell'anno un terremoto aveva provocato alcuni danni ad Atri, e soprattutto aveva provocato il crollo della chiesa di San Francesco e l'inagibilità del convento. Considerata tradizionalmente come la chiesa più antica della città, è una delle tre parrocchie urbane. Questo piccolo "oratorio", chiuso da una piccola cancellata, è molto a cuore agli atriani: ogni qual volta vi passano si fanno il segno della Croce e spesso vanno a buttare qualche soldo presso la pozza d'acqua ai piedi della statua della Vergine. Adatta a bambini da 6 anni in su. Il convento fu abitato fino al 1967; oggi al suo interno c'è un hotel. Nelle due ali inflesse si aprono due piccoli portali laterali, realizzati nello stesso periodo e dagli stessi artisti di quello centrale; al di sopra di essi, due probabili finestre oggi murate. da vedere! In questo viaggio di scoperta la ricchezza di Piazza Duomo, i ricami del rosone di Santa Croce, gli intrecci del portale della chiesa di Santa Chiara e la maestosa facciata della chiesa di San Matteo che appare a sorpresa tra vicoli e corti, regaleranno ad ogni visitatore lo stupore della bellezza e la magia di … If you want to see more of the surrounding area, you can plan a visit to … Un restauro, poco prima della chiusura del convento, ha permesso di farla tornare agli antichi splendori. Piccola chiesa settecentesca a cui si accede dal transetto destro della cattedrale, molto sobria ed elegante con un grande baldacchino sopra l'altare. Coordinate. https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Chiesa_di_San_Francesco_(Atri)&oldid=114816649, Monumenti nazionali della provincia di Teramo, Template Webarchive - collegamenti all'Internet Archive, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. ATRI – Città della provincia di Teramo, su una collina (442 m.), a circa 8 km. Chiesa di Santa Reparata: Molto bella! forse la chiesa più bella del paese, e ce ne sono molte! Domenica 29 aprile 2018, ore 16.oo. L'aspetto della chiesa era stupefacente: ad una navata, era in stile gotico con tanto di pinnacoli e guglie, ad un'unica navata; era inoltre la chiesa più grande d'Abruzzo, per una lunghezza di 130 metri: con la facciata su Corso Elio Adriano, terminava con il presbiterio nell'opposta Via Ferrante[5]. Una parte fu forse portata via dopo l'arrivo dei francesi, nel 1799; il resto andò perduto nell'Ottocento e nel 1866 (anno di soppressione del convento) erano ormai scomparse. È uno dei monumenti-simbolo dell'Abruzzo e monumento nazionale dal 1899. Passeggiata per il centro storico, visita al teatro, alla Basilica di Santa Maria Assunta, al Palazzo ducale con annesse le antiche scuderie e degustazione della famosa liquirizia di Atri. Quindi ci sono due grandi bifore gotiche, di cui una chiusa e l'altra utilizzata come balcone della sagrestia. Santa Maria Novella è una delle chiese più conosciute di Firenze, si trova nei pressi della stazione ferroviaria, nell’omonima piazza. In questa circostanza, il circolo territoriale di Fratelli d’Italia, “si fa promotore del pensiero degli atriani” e scrive una … Ma la comunità mancava ancora di una chiesa e un convento. Le sue origini risalgono a 3.000 anni ed è una delle città d'arte meglio conservate dell'intero Centro Italia. Intorno al 1220, durante la sua predicazione in Abruzzo, san Francesco d'Assisi si fermò di passaggio ad Atri e vi fondò una piccola comunità francescana a capo del quale mise fra' Filippo Longo, uno dei suoi discepoli più fidati, originario proprio di Atri. Sono rimasto incantato da questa piccola chiesetta, non è come la cattedrale ma nel suo piccolo fa la sua figura, Questa è una versione del sito destinata in generale a chi parla Italiano in Italia. I lavori per la sua costruzione risalgono al 1249, ma di fatto la posa della prima pietra è datata 18 ottobre 1279, durante la festa di San Luca. Tutte le News aggiornate in tempo reale su chiesa di santa rita. Nelle vicinanze di Chiesa di Santa Chiara, Casa Accogliente in Centro Storico Atri - CIR 067004cvp0001 è una delle opzioni più consigliate in base alle valutazioni dei clienti Expedia ed si tratta di una casa vacanze dove troverai balconi privati e un servizio auto o limousine per vivere la vacanza dei tuoi sogni. Leggi il seguito, Molto bella! Si apre quindi l'ariosa e scenografica scalinata a doppia rampa, unica di questo genere in Abruzzo. Il lato sinistro è visibile solo parzialmente, perché il resto è coperto dalle costruzioni che vi sono addossate. Sulle pareti si possono inoltre ammirare quel poco che rimane degli affreschi trecenteschi che ornavano l'abside della vecchia chiesa. Sappiamo che questo piccolo oratorio era stato costruito insieme alla scalinata, ma era ornato da nicchie con statue di santi in marmo. Piccola chiesa, parte integrante della più grande Cattedrale di Atri. - Guarda 32 recensioni imparziali, 60 foto di viaggiatori, e fantastiche offerte per Atri, Italia su Tripadvisor. Nell'ottobre 1226, poco dopo la morte del santo di Assisi, iniziarono i progetti per la costruzione della nuova chiesa e dell'annesso convento ad opera di Filippo Longo. Disposta lateralmente deve Una Cattedrale è la sede della Cattedra del Vescovo, dunque è la chiesa principale della diocesi e della città. La guglia, a forma di piramide, richiama sia la Cattedrale di Teramo che la forma di altri campanili edificati nella provincia. Vicinissima - adiacente alla cattedrale, questa chiesa è molto carina e merita sicuramente una visita. La scalinata è stata oggetto di restauri tra il 2002 e il 2003. Fino al 1950- 1960, prima della nascita del moderno Rione di Sant'Antonio oltre il centro storico, chi veniva ad Atri da Silvi (passando per le contrade Berrettino e Cavalieri) riusciva a vedere parzialmente la facciata della chiesa. Il convento francescano cominciò ad assumere un'importanza sempre maggiore nella zona e durante il concilio di Narbona nel 1260 fu posta a capo di una provincia francescana, la Custodia Adriensis ovvero la 'custodia atriana'. CHIESA DI SANT'AGOSTINO (XIV- XV SEC.) Il Convento contiguo sul fianco sinistro della chiesa, fiorente centro di fede e carità è del sec. La monumentale facciata fu costruita tra il 1715 e il 1716 da Giovan Battista Gianni; essa è della tipologia ad ali inflesse, perché lateralmente è leggermente piegata. Nel 1241 fu ultimata: vi dimorava già una nutrita comunità francescana (tra cui spiccò il Beato Andrea da Raiano, che morì proprio nell'anno di ultimazione dei lavori). Allow your soul to revel and find peace at Chiesa di Santa Chiara. I frati di San Francesco cercarono di imitare i Domenicani, trasformando la chiesa a tre navate, costruendo l'arco tuttora esistente su Via Probi per permettere il collegamento tra chiesa e convento e ornarono la chiesa di alcuni affreschi. Da vedere, Praticamente collegata alla cattedrale, cui si può accedere direttamente da una porta intercomunicante, la chiesa presenta una facciata, come tutto il resto della chiesa, tipica del barocco lombardo. CHIESA DI SANTA REPARATA (1741) (foto di C. Martella) Via Roma con la chiesa in una sera d'estate. La tomba anticamente si trovava all'interno della chiesa, nella cappella di San Raffaele (oggi San Giuseppe), fatta costruire dallo stesso Di Lisio. visitate sia la, Chiedi a RoinotnA in merito a Chiesa di Santa Reparata, Chiedi a Max1963Max in merito a Chiesa di Santa Reparata, Chiedi a Nordkapp75 in merito a Chiesa di Santa Reparata, Chiedi a Paola B in merito a Chiesa di Santa Reparata, Chiedi a federicad189 in merito a Chiesa di Santa Reparata, Chiedi a AdventurerTraveler in merito a Chiesa di Santa Reparata, Hotel vicino alla Chiesa di Santa Reparata, Hotel vicino alla Cattedrale Basilica S. Maria Assunta di Atri, Hotel vicino alla Riserva Naturale dei Calanchi, Hotel vicino alla Villa Comunale dei Cappuccini, Hotel vicino alla CulTurA' Cultura Turismo Ambiente Atri, Hotel vicino alla stazione di Mosciano Sant'Angelo, Hotel vicino alla stazione di Castellalto Canzano, Hotel vicino alla stazione di Pineto-Atri, Hotel vicino alla stazione di Roseto degli Abruzzi, Hotel vicino alla stazione di Scerne di Pineto, Hotel vicino a: (FCO) Aeroporto di Roma - Fiumicino - Leonardo Da Vinci, Hotel vicino a: (CIA) Aeroporto di Roma - Ciampino, Hotel vicino a: (PSR) Aeroporto di Pescara - Pasquale Liberi, Cattedrale Basilica S. Maria Assunta di Atri, Cattedrale Basilica S. Maria Assunta di Atri: biglietti e tour‎, Riserva Naturale dei Calanchi: biglietti e tour‎, Teatro Comunale Di Atri: biglietti e tour‎, Villa Comunale dei Cappuccini: biglietti e tour‎, Chiesa di Santa Reparata: biglietti e tour‎, Piscina Comunale A.S.D. Chiesa di San Domenico, Corso Porta Romana, 66 – Teramo If you're planning to stay near to Chiesa di Santa Chiara, the decision is easy since only 1 hotel is listed within 6 miles of this popular attraction. consiglio di visitarla, Attaccata alla cattedrale, devo dire che è veramente splendida. (foto di … Nel 1936 il vescovo Carlo Pensa, d'accordo con il provinciale dei francescani d'Abruzzo, favorì il ritorno dei Frati minori nel convento di Atri. Con la ricostruzione che ne seguì, il convento fu spostato in un palazzetto quattrocentesco a sinistra della chiesa, affacciato proprio sul Corso: non venne cambiato nulla dell'impianto originario, furono solo aggiunti il chiostro e il bellissimo portale opera di maestranze ascolane. Entrambe le rampe si concludono davanti a una piccola riproduzione della grotta di Lourdes, che si trova in un piccolo locale porticato ricavato proprio sotto la balconata principale della chiesa. I Francescani cominciarono ad assumere una certa importanza e furono tra le principali fonti di committenze della città. da vedere! Dopo il ritorno in Duomo della parrocchia, la chiesa di San Francesco ha subito una chiusura: il terremoto dell'Aquila del 2009 ha provocato alcune crepe nelle cappelle laterali e perciò si è iniziato il restauro dell'edificio, che viene aperto solo la mattina alle 7 per la messa. Visto che la chiesa era sopraelavata, vi fu costruita una scalinata a doppia rampa che qualifica lo spazio urbano circostante. I lavori continuarono fino al 1360. Fino al XVII secolo il convento occupò l'area dove oggi si trovano le severe strutture di Palazzo Vecchioni, in Via Probi, costruito proprio dopo il sisma del 1690. Il convento occupava invece l'attuale via Angelo Probi, a destra della chiesa. Nel 1776 i francescani decisero di apportare alcune modifiche alla chiesa, chiamando l'architetto Carlo Fontana di Penne (all'epoca il più richiesto in Abruzzo) che inserì il timpano in cima con la meridiana e soprattutto la scalinata. In questi 5 anni la chiesa di San Francesco è rimasta aperta più del solito appunto per essere la sede della parrocchia. Innanzitutto possiamo vedere un piccolo portale del XV secolo, con un bassorilievo raffigurante San Francesco, che è allo stesso livello della strada perché prima delle trasformazioni settecentesche la chiesa non era rialzata. È una chiesa barocca molto molto affascinante. I Francescani cominciarono presto a ricostruire la loro chiesa e tra la fine del Seicento e i primi del Settecento rappresentò uno dei principali cantieri artistici dell'Abruzzo, in contrasto anche questa volta con i Domenicani che anche loro si accingevano alla trasformazione della chiesa. I Francescani donarono il loro convento alla famiglia Vecchioni che lo trasformò in palazzo, mentre i frati si costruirono un'altra dimora a sinistra della chiesa. Su questo lato una struttura ad arco mette in comunicazione la chiesa con il convento: è il cosiddetto Arco dei Francescani, costruito nel Trecento sui resti di una porta del circuito murario altomedievale (periodo in cui il centro storico era molto più piccolo di oggi). It can be found in Atri, 90 miles from Rome. Atri è una cittadina della provincia di Teramo, in Abruzzo, che conta poco più di 11.000 abitanti. suoi Successori, a quelli « del beato Francesco e a Sorella Chiara e altre Abbadesse che, elette canonicamente, le succederanno ». in linea retta dal mare (ma a 12 km. Dal Cappellone di Sant'Antonio si può accedere alla sagrestia, che presenta alcuni mobili settecenteschi e ottocenteschi. Comunità religiose maschili di diritto pontificio; Comunità religiose femminili di diritto pontificio; Comunità religiose femminili di diritto diocesano; Monasteri; Ordo Virginum; Istituti secolari; Enti Ecclesiastici Civilmente Riconosciuti; Consulta Diocesana delle Aggregazioni Laicali La chiesa parrocchiale di San Nicola di Bari è un luogo di culto della città di Atri situato in Via Picena, a pochi metri da Piazza Duchi d'Acquaviva. La basilica di Santa Maria Assunta è la concattedrale della diocesi di Teramo-Atri e duomo di Atri, trimillenaria città d'arte a pochi chilometri da Pescara. La Chiesa di Santa Reparata, una bella chiesa della citta' di Atri ricca di ornamenti sacri, bella da vedere Data dell'esperienza: aprile 2017 Chiedi a domi751 in merito a Chiesa di Santa Reparata Altro. C'è da notare come le due rampe della chiesa non siano perfettamente regolari: messe insieme formano una specie di rombo, ed entrambe sono intervallate da pianerottoli. XIII, fondato da una compagna di S. Chiara e per interessamento del Beato Filippo Longo di Atri, fu ampliato. La chiesa affaccia con la sua imponente mole lungo Corso Elio Adriano, e già il fatto di essere rialzata rispetto al piano stradale cattura subito l'occhio. Danno luce all'interno le artistiche vetrate realizzate nel 1954 dalla ditta Camper. Il prossimo 14 agosto, un corteo storico, alle ore 17, accoglierà il vescovo di Teramo-Atri, monsignor Lorenzo Leuzzi, che arriva nella città ducale per l’apertura della Porta Santa. Le chiese di Atri CATTEDRALE DI SANTA MARIA ASSUNTA (1284) (foto di C. Martella) La Cattedrale (o Duomo) vista da Via Ferrante. Infine, dietro alle strutture della chiesa (si può notare il profilo dell'arco trionfale del presbiterio, chiuso) ci sono i resti della chiesa duecentesca. Sul lato sinistro abbiamo: Il Presbiterio presenta varie decorazioni marmoree o stuccate di artisti napoletani, tra cui alcuni medaglioni con scene del Vecchio e Nuovo Testamento; sulla parete di fondo, quindi, l'organo settecentesco attribuibile all'organaro locale Adriano Fedri, molto attivo in Abruzzo. Il Vescovo avrebbe voluto consacrare la chiesa nel 1715, ma il ritardo nei lavori spostò la consacrazione all'anno successivo. Originariamente l'interno era a tre navate. All'interno risalta il cosiddetto Baldacchino realizzato in legno di noce opera di Carlo Riccione considerato tra il massimi scultori del barocco abruzzese. Sights like Atri Municipal Theater and Cathedral of Santa Maria Assunta highlight some of the local culture. Ultime notizie chiesa di santa rita da abruzzo.cityrumors.it. Con i lavori barocchi, il sepolcro fu spostato. Nel gennaio 1925 Luigi Corrado Filiani (fondatore della città di Pineto) scrive un'appassionata e intensa lettera ai suoi concittadini pinetesi per invitarli a donare un contributo per la costruzione della chiesa di Sant'Agnese, futura patrona della città costiera. Una Santa per la politica. è proprio attaccata alla basilica. Fu realizzata nel 1776 dal pennese Carlo Fontana, su commissione dei frati che crearono un collegamento tra la chiesa e il Corso (visto che, come già detto prima, l'edificio è sopraelevato).