La seconda guerra persiana . [6] La rivolta ionica, però, aveva messo in pericolo l'integrità stessa dell'impero persiano e l'indipendenza degli stati della Grecia continentale rimaneva una potenziale minaccia per la sua stabilità futura: Dario prese così la decisione di invadere la Grecia e di punire le città di Atene ed Eretria.[11]. Maratona (I guerra Persiana) La prima guerra persiana . Academia.edu is a place to share and follow research. Di fronte al pericolo di un nuovo attacco persiano, gli … [94] In entrambi i casi, gli Ateniesi si resero conto che la loro città era ancora sotto minaccia persiana, e marciarono il più rapidamente possibile verso Atene;[95] arrivarono in città in tempo per evitare che i Persiani sbarcassero. Ma anche le polis greche nell'Asia Minore si sono ribellate.La prima guerra persiana è durata pochi mesi dell'anno 490 a.C. Questa prima guerra è finita con la sconfitta dell'Impero persiano.Ma la seconda guerra persiana fu diversa. A quale secolo appartengono i seguenti eventi: La tua nascita La nascita dei tuoi genitori La nascita di un bimbo della scuola materna La prima guerra mondiale 1914-18 La scoperta dell’america 1492 La morte di cesare 44 a.C. La prima guerra persiana 449 a. C. [97], Dario stava cominciando nuovamente a organizzare un enorme esercito con cui intendeva sottomettere completamente la Grecia. [43] Dopo ciò, di fronte alla richiesta di entrambi i re di Sparta, gli Egineti capitolarono e consegnarono i dieci cittadini più importanti agli Ateniesi come garanzia della loro fedeltà. Successivamente questa campagna venne interrotta dal naufragio della flotta persiana in una tempesta al largo del monte Athos. I suoi cittadini si rifiutarono di fornire degli ostaggi ai Persiani, così furono assediati e la loro terra fu devastata, finché non si arresero ai Persiani. [26], Gli Ateniesi e gli Eretriesi inviarono complessivamente 25 triremi in Asia Minore. La battaglia di Maratona fu combattuta il 12 settembre del 490 a.C. nell’ambito della Prima guerra persiana.. La battaglia prende il nome dal luogo in cui si svolse: una piccola piana affacciata sul mare a circa 40 chilometri da Atene.. Nella battaglia di Maratona, l’esercito greco, nonostante l’inferiorità numerica, riportò una strepitosa vittoria contro l’esercito persiano. Il piccolo esercito di Atene era riuscito inaspettatamente a mettere in fuga il potente esercito Persiano. L'esito della prima guerra persiana non è da ritenersi disastroso per i Persiani, giacchè avevano esteso il loro dominio su molte isole dell'Egeo,e inoltre dopo lo smacco di Maratona, Dario, re dei persiani, stava preparando un'altra spedizione, portata a termine da suo figlio e nuovo re dei Persiani, Serse. [80], La flotta poi si spostò a nord, lungo la costa della Ionia, verso Samo, ma virò bruscamente a ovest, addentrandosi nel mar Egeo. Percorse l’intero [39] La prima guerra alla Grecia era finita ancor prima di cominciare! Join 147,696,442 Academics and Researchers. Home » Mappe Storiche » La seconda guerra persiana. [40] Il re Cleomene I si recò a Egina per farsi consegnare i cittadini che avevano propiziato il patto coi Persiani, ma gli Egineti si rivolsero all'altro re di Sparta, Demarato, che sostenne la posizione di Egina. Tuttavia, secondo Erodoto, c'era una coesione nel tipo di armatura e nello stile di combattimento. Il re persiano Dario, deciso ad impedire alle città greche di I Persiani occuparono senza incontrare resistenza l'isola di Eubea, attraversarono le stretto braccio di.. L'impero persiano: nascita, espansione, decadenza. Si racconta che al termine della battaglia, un ateniese di nome FILIPPIDE fu inviato ad Atene, distante più di 40 km, ad annunciare la vittoria. Prima guerra persiana: riassunto SECONDA GUERRA PERSIANA: RIASSUNTO. [97] Dario morì mentre si preparava a marciare verso l'Egitto e il trono di Persia passò a suo figlio Serse I. [15][16] Allora Aristagora richiese agli stati della Grecia continentale un supporto militare, ma solamente Atene ed Eretria aiutarono i ribelli, rispettivamente con 20 e 5 triremi. Nel 481 a.C.Atene, Sparta, Corinto e altre poleis greche si unirono nella Lega panellenica per resistere all’invasione dei Persiani che volevano sottomettere la Grecia intera. di Antonio Coppola ... Pochi anni dopo, alla morte di Dario e l’ascesa al trono di suo figlio Serse, iniziò la seconda guerra persiana. [44] Tuttavia gli Spartani vennero a conoscenza della corruzione della Pizia di Delfi da parte di Cleomene, che quindi fuggì di nascosto in Tessaglia e, di lì, si spostò in Arcadia, dove persuase varie città ad aderire alla sua causa. Il re persiano Dario, deciso ad impedire alle città greche di sostenere ancora l’aspirazione delle colonie alla libertà, nel 490 a.C , organizza una grande spedizione contro Atene, consigliata anche dall’ex tiranno Ippia che si era rifugiato presso la … Inizio. Appunto storico sulla prima guerra Persiana, la guerra dei Greci contro gli invasori Persiani, che si concluse con la vittoria dei Persiani. Io già da me stesso giungo a tanto con il pensiero e dal re pure mi è stato ordinato che nessun danno deve subire quest'isola, nella quale sono nati i due dèi, né il suolo stesso, né i suoi abitanti. [81] Molti degli abitanti si rifugiarono sulle montagne e quelli che furono catturati furono ridotti in schiavitù. Rivolta ionica – Prima guerra persiana – Seconda guerra persiana – Riscossa greca – Guerre della lega delio-attica Con il termine guerre persiane si definisce la serie di conflitti combattuti tra le poleis greche e l' Impero persiano , iniziati intorno al 499 a.C. e continuati a più riprese fino al 479 a.C. Percorse l’intero tragitto di corsa e, dopo aver comunicato la bella notizia, morì per la fatica. La battaglia di Maratona fu combattuta il 12 settembre del 490 a.C. nell'ambito della Prima guerra persiana. [14][15] Le altre città della Ionia, che non attendevano altro che una ribellione, espulsero i tiranni nominati dai Persiani che le governavano e si dichiararono democrazie. Nel 500 a.C. l'impero persiano era ancora relativamente giovane e in fase di espansione, ma aveva già vissuto varie rivolte dei popoli da esso assoggettati. Il punto di forza dei Persiani erano gli arcieri che erano in grado di colpire da lontano, mentre gli Ateniesi avevano un esercito oplitico fornito solamente di spade e lance che potevano servire nei corpo a corpo. Secondo la cronaca Dati si mise a ridere per la richiesta, ma il giorno dopo, vedendo che i Lindii avevano ricevuto acqua sufficiente grazie a un temporale verificatosi sull'acropoli, inviò delle offerte alla dea e molti doni a loro; strinse poi un'alleanza coi Lindii dicendo: "questi uomini sono protetti dagli dei". 480 (II guerra persiana): l'imperatore persiano Serse, successore di Dario, parte da Sardi con un esercito di 100.000 uomini. ), convinto di vendicarsi di Atene progettò una grande spedizione di conquista, con forze navali e di terra. [37] Dopodiché, Dario inviò ambasciatori in tutte le poleis greche, chiedendo la loro sottomissione tramite la formula usuale di "terra e acqua", e contemporaneamente ordinò alle città costiere del suo impero di costruire delle navi da guerra e delle navi destinate al trasporto dei cavalli. [109] La spedizione fu finalmente pronta nel 480 a.C., anno in cui iniziò la seconda guerra persiana, sotto il comando dello stesso Serse. [35], L'esercito terrestre partì dalla Cilicia verso l'Ellesponto, mentre la flotta, guidata da Mardonio, navigò vicino alle coste della Ionia, dove sostituì i tiranni della zona con regimi democratici. nel 492 a. C. i Persiani conquistano la Tracia e la Macedonia e chiedono la sottomissione alle altre città greche del continente, ma Atene e Sparta si rifiutano ! ISTITUTO PROFESSIONALE STATALE “Albe Steiner” Sede Istituzionale: Lungo Dora Agrigento 20/A Torino TO CAP 10152 Telefono: +39 011 521 58 79 Cell +39 329 7505366 Se vuoi essere informato ogni volta che il nostro sito viene aggiornato, iscriviti alla newsletter, Indice argomenti sui Medi e i Persiani, non aveva un particolare legame con queste città che erano di. La distruzione di Mileto. La rivolta ionica. [81] Mandò un messo all'isola di Delo, che disse: «Uomini sacri, perché vi date alla fuga, pensando così male di me e così poco a proposito? Questo stile di combattimento si era sviluppato durante le numerose guerre tra i Greci; poiché ogni città-stato combatteva allo stesso modo, i vantaggi e gli svantaggi di questo metodo non erano evidenti ai Greci. La prima guerra persiana. Una forte tempesta, però, distrusse le navi persiane. Le guerre persiane scoppiarono quando le colonie greche che sorgevano sulle coste orientali del mar Egeo, tra cui Mileto, si ribellarono al dominio dell’ Impero persiano. ), ma solo una piccola parte di esso: la parte culminante, la … [90] Nonostante la superiorità numerica dei nemici, la falange oplitica greca, formata dalla fanteria ateniese si dimostrò straordinariamente efficace: gli Ateniesi attaccarono frontalmente l'esercito persiano, che sfondò la parte centrale dello schieramento greco ma non riuscì a sconfiggerla. [32], Nella primavera del 492 a.C. il generale persiano Mardonio, genero del re Dario, fu messo a capo di una [46] A Cleomene succedette il fratellastro Leonida I. Secondo J. Parole-chiave. [73] Erodoto menziona esplicitamente la presenza di Persiani e Saka a Maratona. [34], Contemporaneamente la flotta si diresse verso l'isola di Taso e la sottomise senza incontrare resistenza; poi si diresse verso Acanto e di lì tentò di circumnavigare il promontorio del monte Athos, ma, incappata in una terribile tempesta, secondo Erodoto, perse 300 navi e 20 000 uomini, sbranati dagli animali marini, sbattuti contro gli scogli, affogati perché non sapevano nuotare o uccisi dal freddo. [31] La pacificazione della Ionia permise ai Persiani di avviare il loro programma futuro, che consisteva nell'estinguere la minaccia per l'impero costituita dalla Grecia e nel punire Atene ed Eretria. [66] Vi sono varie teorie, basate in gran parte sul totale dei marinai trasportati dalle triremi persiane, che secondo Erodoto potevano trasportare al massimo 44 marinai ciascuna:[67] si stima che 600 triremi avrebbero potuto facilmente accogliere tra le 18 000 e le 26 000 unità di fanteria,[54][68] anche se alcuni studiosi ritengono che anche 18 000 fanti potessero essere un numero eccessivo, da sostituirsi con un minore e secondo loro più realistico 12 000/15 000. Sbarcarono sulle coste dell'Attica con … guerre persiane. di gaspare.pappalardo1 Ominide 4487 punti [20] Essendo già nemici della Persia, gli Ateniesi decisero sostenere le città della Ionia nella loro rivolta. Riassunto: Il racconto Il pesciolino nero di Samad Behrangi è il brano di letteratura persiana contemporanea più tradotto (e pubblicato) tanto in lingua inglese quanto in lingua italiana. Le forze in campo erano molto impari, ma le città greche dell'Asia Minore e Atene attaccarono e incendiarono Sardi, la più importante città persiana della zona. APRI. Nonostante l'insuccesso di queste azioni, gli Eretriesi e gli Ateniesi si attirarono l'inimicizia perpetua di Dario, che promise di punire entrambe le città. Salito al trono nel 485 a.C., Serse I continuò la campagna contro la Grecia, nota col nome di prima guerra persiana, già iniziata con scarso successo dal padre. Tuttavia, la Tracia e le Cicladi erano state annesse all'impero persiano, mentre la Macedonia era ancora un vassallo persiano. I Greci non riuscirono ad organizzare un fronte comune di difesa: alcune città si sottomisero ai Persiani sperando di ridurre l'ira di Dario. Quando i Persiani furono sufficientemente vicini ordinò l'attacco. Per un approfondimento leggi Dalla rivolta ionica alla Prima guerra persiana, riassunto. [54][78] Ecco alcune teorie. [28] Questo fu il massimo che i Greci poterono ottenere, dato che poi furono cacciati e inseguiti dalla cavalleria persiana fino sulla costa, subendo gravi perdite. Si racconta che al termine della battaglia, un ateniese di nome FILIPPIDE fu inviato ad Atene, distante più di 40 km, ad annunciare la vittoria. In seguito l'esercito marciò in Cilicia dove, nel frattempo, era stata raccolta la flotta. Prima Guerra Persiana. Non sono chiari i motivi per cui Clistene propose una riforma così radicale, che avrebbe messo in pericolo anche il potere della sua famiglia: forse si accorse che il governo aristocratico stava tramontando inesorabilmente, ma sicuramente voleva impedire con ogni mezzo possibile che Atene cadesse in potere di Sparta. Il tentativo non riuscì, quindi Ippia ritornò a Sardi e cercò di convincere i Persiani ad attaccare Atene. [104] La battaglia di Maratona fu la prima volta che una falange batteva delle truppe armate alla leggera, mostrò quanto potessero essere devastanti gli opliti in battaglia. [105] I Persiani, però, non fecero tesoro della lezione a loro impartita a Maratona. Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto. Rientrato in possesso di Chio, di Lesbo e dell’Ellesponto, nel 492 a.C. Dario inviò il generale Mardonio in Tracia per una prima spedizione punitiva contro gli insorti. Nel 490 a.C. Dario ci riprovò e inviò in Grecia centinaia di navi persiane, guidate da Dati e Artaferne. La composizione della fanteria durante la seconda guerra persiana era pressoché identica a quella della prima, nonostante i Persiani avessero grande disponibilità di opliti e altri tipi di fanteria pesante nelle terre da loro dominate. L’età di Pericle e la Guerra del Peloponneso [54] Le principali ipotesi per la fanteria solitamente oscillano tra le 20 000 e le 30 000 unità,[51][52][63][64][65] ma risulta impossibile stabilire con certezza chi abbia ragione. [88] Allo stesso tempo, l'assemblea di Atene inviò a Sparta l'emerodromo Fidippide (o Filippide), il più grande del suo tempo, per chiedere aiuto all'esercito spartano. Secondo Erodoto il pretesto della spedizione era quello di punire Atene ed Eretria,[33] ma il vero obiettivo era sottomettere il maggior numero possibile di città greche. Gli opliti furono il punto di forza degli Ateniesi durante la prima guerra persiana. [17][18], Il coinvolgimento di Atene nella rivolta ionica è la conseguenza di una complessa serie di circostanze, che cominciano con l'istituzione della democrazia ad Atene alla fine del VI secolo a.C. Nel 510 a.C. gli Ateniesi, appoggiati dal re di Sparta Cleomene I, cacciarono il tiranno Ippia, subentrato al padre Pisistrato,[19] che fuggì a Sardi presso la corte del satrapo persiano Artaferne, al quale promise il controllo su Atene in cambio della sua restaurazione come tiranno. La prima guerra persiana scoppiò nel 492 a.C. e si concluse con la vittoria ateniese nella battaglia di Maratona, nel 490 a.C. Il conflitto, formato da due spedizioni distinte, fu voluto dal re di Persia Dario I principalmente per punire Atene ed Eretria, che in precedenza avevano sostenuto le poleis della Ionia durante la loro rivolta contro il dominio persiano, suscitando in tal modo l'ira di Dario, che nel conflitto … PRIMA GUERRA PERSIANA: RIASSUNTO. Nel 490 a.C. i persiani partirono con una spedizione alla conquista di Atene. [20] Gli Ateniesi inviarono altri ambasciatori per cercare di dissuadere Artaferne da ciò, ma questo si limitò a imporre loro di accettare Ippia come tiranno. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. [45] A questo punto gli Spartani lo riammisero tra loro; secondo Erodoto, Cleomene, che dava segni di pazzia, fu fatto legare a un ceppo dai suoi parenti, ma questi, ottenuto un coltello da un ilota, si diede la morte provocandosi delle ferite letali. I Persiani, tornati sulle navi, si diressero verso Atene nella speranza di trovarla priva di difese. [107] Inoltre, Atene rimase impunita nonostante il ruolo ricoperto nella rivolta ionica e, al pari di Sparta, non conobbe conseguenze per il trattamento che aveva riservato agli ambasciatori persiani. PRIMA GUERRA MONDIALE: VIDEO RIASSUNTO La Prima Guerra Mondiale - Mappa concettuale Pubblicato il 6 giugno 2010 di tuttiabordodislessia Mappa concettuale realizzata con CMap con numerosi collegamenti a filmati, schede di cronologia e immagini . Sebbene i Persiani fossero stati sconfitti durante la prima guerra persiana, Atene non poteva considerarsi al sicuro: i Persiani desideravano vendicarsi sia per l'aiuto che Atene aveva dato a Mileto, che per la sconfitta subita.. Un altro motivo di timore era dato dal fatto che Atene riceveva il grano dal Mar Nero: zona questa controllata completamente dall'impero Persiano. Ordunque, ritornate ormai alle vostre case, abitate in pace la vostra isola.», Dati poi offrì in sacrificio 300 talenti d'incenso nel tempio di Apollo a Delo per mostrare il suo rispetto verso uno degli dei dell'isola. All'interno di questa guida, andremo a trattare un tema molto importante all'interno della Storia del 1900, le guerre balcaniche. La Grecia è invasa, dopo una battaglia navale presso capo Artemisio. Alessandro Magno: biografia, storia e conquiste. Questo blog è indirizzato agli alunni di una classe prima della Scuola Secondaria di Secondo grado ed ha come oggetto uno dei momenti più importanti della storia antica, in cui viene segnato non solo il destino di un popolo, ma dell'intera umanità. La seconda guerra persiana (480 a.C.-479 a.C.) Alla morte di re Dario, il figlio Serse iniziò i preparativi per una nuova spedizione. Sebbene i Persiani fossero stati sconfitti durante la prima guerra persiana, Atene non poteva considerarsi al sicuro: i Persiani desideravano vendicarsi sia per l'aiuto che Atene aveva dato a Mileto, che per la sconfitta subita.. Un altro motivo di timore era dato dal fatto che Atene riceveva il grano dal Mar Nero: zona questa controllata completamente dall'impero Persiano. La spedizione si concentrò inizialmente sulla conquista delle isole Cicladi, che furono tutte annesse all'impero persiano (compresa Nasso, che nel 499 a.C. era riuscita a resistere); raggiunta la terraferma, le truppe sbarcarono a Eretria, che fu assediata, conquistata e rasa al suolo, mentre i suoi cittadini vennero ridotti in schiavitù. L'obiettivo della spedizione era quello di punire Atene ed Eretria colpevoli di aver aiutato la città di Mileto. Riassunto di Storia. [81], I Persiani giunsero al largo della punta meridionale dell'Eubea, a Caristo. [6][7][8] Inoltre, il re Dario I era considerato un usurpatore e per questo aveva passato molto tempo a estinguere le rivolte contro il suo potere. La prima guerra persiana (490 a.c.) La convinzione dei greci non era sbagliata: la natura universale dell’Impero persiano e il principio strategico fatto proprio da ogni generale, secondo il quale la conquista di un paese non è mai sicura se non è seguita da quella dei paesi con i … [29] Inoltre, per ordine di Dario, tutti gli abitanti sopravvissuti vennero ridotti in schiavitù. Tuttavia, nel 486 a.C., i suoi sudditi egiziani si ribellarono, rimandando a tempo indeterminato ogni spedizione contro le poleis greche. Storia antica — Breve riassunto della prima guerra persiana, le cause e le conseguenze . Erodoto infatti non indica un numero preciso, limitandosi a dire che l'esercito persiano era dotato di una grande e poderosa fanteria. [18] Gli Ateniesi si rifiutarono e dichiararono apertamente guerra alla Persia. Gli arcieri Persiani, presi dal panico, si ritirarono verso le loro navi. Lo scenario della seconda guerra persiana Grecia antica Le guerre persiane Rientrato in possesso di Chio, di Lesbo e dell’Ellesponto, nel 492 a.C. Dario inviò il generale Mardonio in Tracia per una prima spedizione punitiva contro gli insorti. [79], Una volta preparata la flotta, i Persiani salparono dalla Cilicia verso l'isola di Rodi. Guerra di Atene contro i persiani: riassunto PRIMA GUERRA PERSIANA: LA RIVOLTA IONICA. La prima guerra persiana si concluse con la vittoria greca a . Vedendo che lo sbarco a sorpresa era fallito, i Persiani tornarono sconfitti in Asia Minore. [104] La formazione oplitica era sì vulnerabile alla cavalleria, ma, utilizzata nelle giuste circostanze, era molto efficace. Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti. [100] Ciò poté essere applicato anche a tutta la Grecia: "la vittoria dotò i Greci di una fiducia in sé stessi che rimase per tre secoli, durante i quali si sviluppò la cultura occidentale". [21][22] In risposta a questa proposta Isagora esiliò da Atene Clistene e gli Alcmeonidi, ma il popolo, infiammato dall'idea di democrazia, colse il momento opportuno ed espulse Isagora e Cleomene: nel 507 a.C. Clistene poté tornare ad Atene e crearvi un governo democratico. Milziade decise di lasciare avvicinare il nemico. Isonomia: letteralmente significa uguaglianza di fronte alla legge o uguaglianza della legge. [81] La flotta giunse a Nasso per punire i suoi abitanti per la loro resistenza alla spedizione persiana di dieci anni prima. [110], La situazione iniziale (ipotesi con eserciti schierati paralleli al mare), La situazione iniziale (ipotesi con eserciti schierati perpendicolari al mare), La campagna di Dati e Artaferne (490 a.C.), Marathon: The Crucial Battle That Created Western Democracy, Biographical Dictionary of Literary Influences: The Nineteenth Century, 1800-1914, Persian Fire: The First World Empire and the Battle for the West, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Prima_guerra_persiana&oldid=113519352, Voci con modulo citazione e parametro coautore, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Alcuni hanno fatto notare che il numero di 600 navi sembra essere un numero standard usato da Erodoto per le flotte persiane (secondo alcuni il numero delle navi potenzialmente utilizzabili), dato che ricorre anche per la spedizione persiana contro gli, Altri ritengono che il numero di 600 navi comportasse varie difficoltà logistiche e fosse assolutamente eccessivo per le piccole flotte nemiche da affrontare, visto che i Greci avevano mandato solo 25 triremi in soccorso degli Ioni e non potevano disporre di molte altre, quindi propongono numeri molto più bassi, come 300 (cifra citata molto spesso e proposta anche da Platone, Alcuni, accettando la stima di 600 navi, sostengono che il numero includesse anche le navi da carico. [36] Mardonio, dopo aver sottomesso i Brigi, vista le ingenti perdite subite dal proprio esercito e il disastroso naufragio della flotta, decise di tornare in Asia con tutto il corpo di spedizione;[36] è stato ipotizzato che la scelta di Mardonio fosse dovuta principalmente alle conseguenze del naufragio, che aveva indebolito numericamente la sua flotta e forse aveva anche diminuito considerevolmente le provviste disponibili. [73], Le stime per la cavalleria persiana, solitamente costituita dalle truppe etniche persiane, da Battriani, Medi, Cissiani e Saka (la maggior parte dei quali probabilmente combatteva come cavalleria leggera),[73][77] si aggirano tra le 200 e 3000 unità, concordando spesso sulla cifra di 1000.